Nicola Troilo

Au rendez-vous des amis

October-November 2012

Nicola Troilo

Au rendez-vous des amis

October-November 2012

Nicola Troilo presents his most recents work in Assab One. Large canvases, made with the technique of frottage on the empty space left by the printing machine Roland Ultra which is now in India. During the whole summer, the artist has worked almost hypnotic using as a basis the rough surface of the concrete floor marked by time, rediscovering a process utilized by Max Ernst and the Surrealists. The title chosen for the exhibition deals with the place and with all those who follow the event with their presence and their participation.

"Elena mi dice che devo dare un contributo scritto", di Nicola Troilo

Si sta avvicinando la data della mostra. Elena mi dice che devo dare un contributo scritto.

Riparto dall’inizio, quando l’ho chiamata per chiedere ospitalità a dei futuri quadri. La macchina da stampa Roland Ultra era stata smontata per essere trasportata in India dove da poco ha ripreso la sua attività.

Io avevo in testa di fare delle grande stampe (monotype) proprio nello spazio dove stava la macchina ad  Assab One. Elena ha visto dei quadri colorati in studio e ci siamo accordati per una nuova avventura.

Incomincio, trasferendomi ad Assab e lavorando in luogo per tutto il mese di luglio.

Guardo la superficie nera e oleosa (circa 20 metri quadri) dove la macchina per più di trent’anni anni ha stampato libri, enciclopedie, manifesti…

Il pavimento trasuda olio, gocce che nel tempo sono scivolate lungo le costole della macchina andando a espandersi verso il basso. Chissà quante parole e immagini si ricorda?

Intanto dovrò coprire tutto con una plastica leggera, l’olio può rimanere nel pavimento. Voglio fare delle nuove immagini: più alte, più sognanti, più non so dove… La memoria dell’olio deve rimanere nel pavimento, alla sua materia.
Devo fare dei quadri nuovi in questo luogo, non una ricerca antropologica attraverso i segni lasciati.

Devo ricordare come operava la macchina, com’era programmata, quanto inchiostro occorreva per una stampa.

Si possono fare dei quadri come se venissero fatti da una macchina, con quella cieca energia; organizzare i colori sulla superficie del pavimento e diventare io la Roland, per far nascere queste nuove immagini, frutto del mio pensiero meccanico.

Vengono fuori quadri che sembrano sogni stampati, come se neutralizzando il pensiero l’attività onirica prendesse il sopravvento. Una sorta di caccia alle farfalle, quadri-sogni, più vitali spero.

Biography

Nicola Troilo was born in Le Creusot, France, in 1958. He lives and works in Milan.

Main Solo Exhibitions:
2008 – “Crisi’s Happiness”, Room Arte Contemporanea, Milan
2008 – Della Pina Arte Contemporanea, Pietrasanta. Curated by Valerio Dehò
2008 – Il laboratorio dell’imperfetto”, Gambettola. Curated by Valerio Dehò
2007 – Museo Michetti, Francavilla al Mare. Curated by Valerio Dehò
2007 – Studio Ghiglione, Genoa. Curated by Salvatore Galliani
2007 – “IL giardino di Daniel Spoerri” Seggiano. Curated by Andrea Sassi
2007 – Dispari&Dispari Project, Reggio Emilia
2006 – Room Arte Contemporanea, Milan
2005 – Assab One, Milan. Curated by Bettina della Casa
2004 – A+MBOOKSTORE, Milan
2004 – Studio Ghiglione, Genoa. Curated by Salvatore Galliani
2001 – Galleria Blanchaert, Milan
1997 – Via Tadino 46, Milan
1992 – Studio Scheller, Milan

Main exhibitions:
2012 – 10 anni di Dispari Dispari, Reggio Emilia
2011 – Room Arte Contemporanea, Milan
2010 – Room Arte Contemporanea, Milan
2004 – Spazio fiori, Show Room Luisa Beccaria, Milan
1993 – Fulmina, Pettineo (Sicily). Curated by Bruno Corà
1991 – Villa Gioiosa, Cormano (Milan). Curated by Bianca Tosati e Mario Gorni

You might also enjoy

Exhibition catalogue

Il fucile è nell’aria, aprile-maggio 2015

Catalogo mostra