Andrea Branzi

La Metropoli Latina

1+1+1
un progetto di Elena Quarestani
a cura di Marco Sammicheli

aprile-maggio 2019

Andrea Branzi

La Metropoli Latina

1+1+1
un progetto di Elena Quarestani
a cura di Marco Sammicheli

aprile-maggio 2019

dal 3 aprile all’11 maggio
dal mercoledì al sabato, dalle 15 alle 19 e su appuntamento

Visite guidate:
sabato 11 maggio – ore 16:00, 18:00, 19:00
Info e prenotazione: info@assab-one.org

Andrea Branzi, architetto, protagonista del movimento Radical e del nuovo design italiano, è stato di recente celebrato alla Royal Academy of Fine Arts di Stoccolma con il prestigioso premio Rolf Schock in the Visual Arts 2018 per il suo lungo e significativo coinvolgimento nel dibattito su città, architettura e design. Da umanista contemporaneo, in questa mostra Branzi riflette su un’arte arcana e attuale come quella latina e rende omaggio a una Pompei rimasta “intatta” nella sua dimensione più intima e poetica, quella domestica.

Scopri di più

Pompei è una città dove l’architettura esterna è crollata, ma l’architettura interna si è salvata. La Metropoli Latina che noi conosciamo è infatti una metropoli teorica, nel senso che essa non è costituita soltanto dalle rovine di monumenti (archi di trionfo, acquedotti, fori, circhi, basiliche) ma soprattutto da un tessuto quasi intatto di spazi interni, domestici, privati. Erano ambienti in penombra, le cui pareti affrescate, esplorabili con lanterne o torce, narravano miti, divinità, sesso e frammenti inquietanti di scenari onirici, misteriose narrazioni di un mondo letterario per noi incomprensibile, e proprio per questo affascinante.

La mostra raccoglie pannelli (su canvas ritoccati a mano con gessetti), modelli e disegni realizzati nel tempo come un materiale riflessivo su un’arte arcana come quella latina, inquietante per la sua modernità, frutto di una Civiltà di cui tutto è crollato, salvo le opere dei suoi poeti: Virgilio, Orazio, Ovidio, Lucano e di tutti coloro che narrarono e dipinsero gli amori, gli uccellini o la frutta, le passioni e i segreti di una vita domestica così simile alla nostra.

Biografia

Andrea Branzi, Architetto e Designer, è nato a Firenze dove si è laureato; vive e lavora a Milano dal 1974. Si occupa di design industriale e sperimentale, architettura, progettazione urbana, didattica e promozione culturale. E’ autore di molti libri sulla storia e la teoria della progettazione, pubblicati in diversi paesi; negli ultimi anni sono state pubblicate importanti monografie sul suo lavoro. Fino dalla laurea (1966) ha fatto parte del movimento di avanguardia dell’ ”Architettura Radicale”. Nel 1982 ha co-fondato e diretto Domus Academy, prima scuola post-universitaria di design. Come Professore Ordinario è stato Presidente del Corso di Studi  in Design degli  Interni alla Facoltà di Design del Politecnico di Milano. Ha vinto tre Compassi d’Oro, di cui uno alla carriera. Nel 2008 ha ricevuto la Laurea Honoris Causa in Design dall’Università della Sapienza di Roma e nello stesso anno è stato nominato Membro Onorario del Royal Design for Industry di Londra. Nel 2017 il Centro Georges Pompidou di Parigi ha dedicato al suo lavoro una sala permanente. Nel 2018 la Royal Academy of Fine Arts di Stoccolma gli ha conferito il premio Rolf Schock per le Arti Visive.

Ti potrebbe anche interessare

1+1+1 Terza edizione

Andrea Branzi + Chiaki Maki + Andrea Mastrovito
un progetto di Elena Quarestani con Marco Sammicheli