CAOS MOBILE – INCONTRO CON PINO GUIDOLOTTI

6 settembre 2018

Fino al 15 settembre 2018 dalle 10 alle 20. Presso il Castello Volante di Corigliano d'Otranto.

Un'installazione tra fotografie e oggetti volanti nella Torre di Sant’Antonio al Castello Volante di Corigliano d’Otranto realizzata da un autore poliedrico che con i suoi scatti ha ritratto un’epoca, raccontandola da protagonista.

A cura di Paolo Pisanelli e Francesco Maggiore
con il contributo Big Sur, Cinema del reale, Officina Visioni, ATS Core a Core, Coll Club, Multiservice Eco, Comune di Corigliano d’Otranto

Sta cominciando a piovere, il cielo si è scurito, ora posso scrivere. Le cose che erano già belle mi interessano, per questo mi trovo circondato da oggetti che non mi fanno paura e non sono costosi, per ciò posso cancellarli, tagliarli, arrotolarli o truccarli. Insomma, contemplo un luogo dove penso di trovare dei segreti, degli inviti o una persona. Disegno quello che vedo e se si produce un errore lo lascio. La fotografia è noiosa, scatto poco e di malavoglia ma sono ormai bravissimo. I ritratti che ho fatto sono tutte teste di morto che ti guardano alle quali ho sempre impedito di ridere troppo.” Pino Guidolotti

Autore poliedrico, Pino Guidolotti, ha ritratto un’epoca raccontandola da protagonista. Maestro della moda negli anni Ottanta e Novanta, ha raccontato personaggi, artisti, registi, architetti, designer, attori di teatro e cinema come Gérard Depardieu, Vasco Rossi, Tadao Ando, Jeanne Moreau, Diego Giacometti, Shirin Neshat, Mario Monicelli, Arthur Penn, Ernst H. Gombrich, Joseph Beuys solo per nominarne alcuni. Una ricerca che non si è fermata al ritratto ma ha abbracciato anche luoghi e città, l’architettura e la grande scultura, dalle Ville Palladiane al Bernini.
Dopo aver girato il mondo, Pino Guidolotti si è trasferito in Salento e sfida l’invisibile. Ora si occupa meno di fotografia e più di natura.