assabone

Homepage » Mostre ed eventi » Passati » Campo Neutro #04
Bridging Lines Milan
Un wall drawing e una performance
 
 
Passati
 
Antoni Malinowski
Campo Neutro #04
Bridging Lines Milan
Un wall drawing e una performance
dall'8 al 21 ottobre 2005
 
Il progetto “Bridging Lines”, presentato per la prima volta a Venezia nel 2004 durante la IX edizione della Biennale di Architettura, analizza l’integrazione di spazio e luce, combinando discipline quali danza e musica con la tecnica artistica del wall drawing.

Anche ad Assab One le linee disegnate da Antoni Malinowski sulle pareti vengono tradotte in danza. Gli allievi del Corso di Teatrodanza della Scuola d’Arte Drammatica Paolo Grassi, diretti da Yong Min Cho e Sarah Taylor, abitano lo spazio di questo evocativo edificio industriale, dissolvendone l’architettura attraverso il movimento, il suono e i passi, e disegnano l’alterno materializzarsi di luce e oscurità.

Musiche di Tomasz Gassowski

Guarda il video della performance
 
 
 
Campo Neutro #04. Antoni Malinowski, Bridging Lines Milan, performance, 2005. Foto Alan Maglio
Campo Neutro #04. Antoni Malinowski, Bridging Lines Milan, performance, 2005. Foto Alan Maglio
 
 
Comunicato stampa
 
CAMPO NEUTRO #04

Antoni Malinowski

Inaugurazione 7 ottobre 2005 - ore 21.30

8-21 ottobre 2005 - dal martedì al venerdì, dalle 15.00 alle 19.00 e su appuntamento

venerdì 7 ottobre - ore 21.30
sabato 8 ottobre - ore 18.30

Bridging Lines Milan
un wall drawing* e una performance**

Musiche di Tomasz Gassowski
Coreografia di Yong Min Cho e Sarah Taylor
Costumi di Yong Min Cho, realizzati con l’aiuto di Chiara Mauri
Ballerini - gli allievi del Corso di Teatrodanza della Scuola d’Arte Drammatica Paolo Grassi di Milano

Il progetto Bridging Lines, presentato a Venezia nel 2004 durante la IX edizione della Biennale di Architettura, analizza l’integrazione di spazio e luce, combinando discipline quali danza e musica con la tecnica artistica del wall drawing: alcuni ballerini seguono il tracciato disegnato da una serie di linee nere che, sulla superficie del muro, fissano il movimento della luce. Ad Assab One le linee disegnate da Antoni Malinowski sulle pareti vengono tradotte in danza. Gli allievi del Corso di Teatrodanza della Scuola d’Arte Drammatica Paolo Grassi, diretti da Yong Min Cho e Sarah Taylor, abitano lo spazio di questo evocativo edificio industriale, dissolvendone l’architettura attraverso il movimento, il suono e i passi, e disegnano l’alterno materializzarsi di luce e oscurità.

sabato 15 ottobre –  Milanocontemporanea
apertura straordinaria dalle 12.00 alle 22.00

Dis/continuity of line
una performance** e un incontro con l’artista – dalle 19.00 alle 21.30

Il ballerino e coreografo coreano Yong Min Cho esplora, in un “a solo” e con gli studenti di Teatrodanza della Scuola di Arte Drammatica Paolo Grassi, la relazione tra il grande wall drawing realizzato da Malinowski e lo spazio in cui si disegna. La performance è accompagnata da un’anticipazione della conferenza che l’artista terrà al Royal Institute of British Architects (RIBA) di Londra. Malinowski illustrerà inoltre alcuni suoi progetti - impermanenti e non - all’interno delle architetture. In contemporanea proiezione di video e diapositive che documentano il suo lavoro.

*Il wall-drawing è visibile dall’8 ottobre, dal martedì al venerdì, dalle 15.00 alle 19.00 e su appuntamento

**Le performance ammettono un massimo di 200 spettatori. Si consiglia di prenotare

con la partecipazione di
Scuola di Arte Drammatica "Paolo Grassi"

con il patrocinio di
British Council
 
Antoni Malinowski
Nato in Polonia, dal 1980 vive e lavora a Londra dove ha studiato presso il Chelsea College of Art. Interessato all’interazione dei diversi mezzi espressivi, nei suoi lavori parte dalla bidimensionalità della pittura – considerata come una prima fase “da laboratorio” – per espandersi nello spazio architettonico tridimensionale, utilizzando spesso come trait d’union la tecnica del wall drawing – da ricordare quello nel foyer del Royal Court Theatre di Londra. Nel 2004 riceve un incarico per una installazione permanente presso il Luxor Theatre di Rotterdam dove inizia a collaborare con il compositore Michael Nyman che traduce in musica le sue linee disegnate. L’interesse di Malinowski per i diversi aspetti della percezione, e in particolare per quello musicale, ha seguito nella collaborazione con il ballerino e coreografo Yong Min Cho. Attualmente lavora a un progetto commissionato dal Broadcasting House BBC di Londra.

Tomas Gassowski
Dagli anni Novanta compone musiche per cinema, televisione, radio e gruppi jazz. Ha ricevuto numerosi premi tra cui al Crackfilm Festival (Cracovia, 1996) e al Kreatura Festival (Cracovia, 2002). Nel 2002 ha scritto le musiche e coprodotto il film Squint your eyes (regia Andrzej Jakimowski), ottenendo una menzione speciale della giuria al 51° IFF Mannheim-Heidelberg 2002 e il Main SKYY Prize al 47° IFF San Francisco (2004). Nel 2002 ha composto e prodotto una registrazione per la cantante jazz Anna Serafiska, vincitrice di uno dei premi del Montreux Jazz Festival 2004.

Yong Min Cho
Ballerino e coreografo, vive tra Londra e Milano. Dopo aver studiato architettura in Corea, si trasferisce in Italia dove studia scenografia all’Accademia di Belle Arti di Brera e danza alla Scuola d’Arte Drammatica Paolo Grassi di Milano. A Venezia riceve una borsa di studio presso l’Accademia Isola Danza, lavora con Carolyn Carson e collabora con il Centro Teatrale di Ricerca. Ha realizzato numerose performance in Inghilterra e Italia, tra cui una a Milano a Palazzo Reale (2003). Nel settembre 2004 collabora con l’artista Antoni Malinowski alla performance Bridging Lines Venice.

Sarah Taylor
Da oltre 25 anni si occupa di danza contemporanea, collaborando con vari teatri europei, tra cui la Deutsche Opera di Berlino, il Komische Oper Berlin, il Teatre Lliure di Barcellona, la Gelabert-Azzopardi Companyia de Dansa di Barcellona e il Balletto di Toscana a Firenze. Ha inoltre lavorato come assistente alla coreogafia con vari nomi del mondo della danza contemporanea italiana e internazionale. Attualmente vive a Trieste dove promuove la danza come terapia all’interno dell'ex ospedale psichiatrico cittadino.

Ballerini
Alessio Attanasio, Paola Bedoni, Eleonora Bonvini, Maria Cerciello, Francesca Ditraglia, Mattia Furlan, Riccardo Fusiello, Matteo Graziano, Lara Guidetti, Maria Francesca Guerra, Marzia Liberatore, Serena Marossi, Scarlett Mattka, Francesco Pacelli, Caterina Poletti, Annalì Rainoldi, Ilaria Tanini, Silvia Volta.

CAMPO NEUTRO è un luogo ideale di sperimentazione e di confronto in cui gli artisti possono presentare progetti nuovi accanto a opere già esposte altrove ma mai viste a Milano. É un progetto di Elena Quarestani realizzato all’interno del’ex stabilimento GEA Grafiche Editoriali Ambrosiane, ora Assab One.
I tre appuntamenti precedenti hanno ospitato opere e performance di A Constructed World – Geoff Lowe & Jacqueline Riva, Letizia Cariello, Francesco Lauretta, Ottonella Mocellin e Nicola Pellegrini, Federico Pietrella, Enzo Umbaca, Marcella Vanzo e Dafne Boggeri e l’installazione I only have eyes for you di Luca Vitone.

Antoni Malinowski è presente a Milano, dal 7 ottobre 2005 al 7 gennaio 2006, presso lo Studio Visconti, corso Monforte 23, con la sua prima mostra personale in Italia. Informazioni: 02 795251-76023238 e info@studiovisconti.net